ARTE E CREATIVITA'

il gioco della mente e del corpo con la materia
per costruire
forme sempre nuove
e messaggi sempre diversi
per imparare
l'arte di vivere

venerdì, ottobre 06, 2017

Nuove e vecchie architetture...

Rivestimenti: lucernari, facciate e altri rivestimenti per edilizia.

Il rivestimento è più che una pelle protettiva all'esterno di un edificio. Con la giusta progettazione e costruzione, può aggiungere un elemento architettonico mozzafiato a una struttura. Ad esempio, il rivestimento di vetro non solo permette di allontanare l'esterno ma può farlo in modi sorprendenti che sono lontani dal prevedibile. Caratteristiche opache, strutturate o chiare su un muro o un soffitto possono armonizzare uno spazio con natura, arte o entrambi.


Manuel Gómez-Morin Cultural Center in Mexico


Guardando in su.
I lucernari sono ampiamente usati per installazioni stabili, anche per dare luce negli edifici industriali, commerciali o istituzionali. Le installazioni vanno dalla luce naturale puramente funzionale per l'efficienza energetica all' elaborare forme estetiche con un design mozzafiato.Il rivestimento può essere colorato o trasparente, anche per una forma non convenzionale. I sistemi strutturali di Geometrica sono formati da forme libere con tubi in acciaio zincato o tubi di alluminio leggeri, resistenti alla corrosione, collegati tramite mozzi brevettati di alluminio. Forte sia nella tensione che nella compressione, la struttura può essere modellata in combinazioni di curvatura e curvatura inversa all'interno di una singola griglia.


Per il rivestimento in vetro, l'esclusivo sistema GL-48 di Geometrica consente di verniciare le strutture in un modello a tre vie. Questo sistema di vetro consente molteplici opzioni quando si tratta di aspetto, in quanto la luce segue la funzione. Il layout modulare può variare con il comportamento strutturale o per esprimere schemi geometrici, come lamella, pizzo, geodetico o margherita.
Il nostro sistema GL-48 è dotato di un sistema di guarnizioni specializzate per la protezione ridondante contro l'infiltrazione d'acqua o l'umidità interna. Le guarnizioni strutturali impediscono l'infiltrazione. Le grondaie di condensa in tutti i montanti dello skylight catturano e portano l'umidità alle grondaie primarie. Questi gocciolamenti primari sono ininterrotti dalla rottura dell'acqua al bordo.


Arte in Architettura

Molti software di progettazione consentono agli architetti di creare forme libere per gli edifici di riferimento. E, Geometrica fornisce la soluzione strutturale più notevole e conveniente per realizzare una forma libera.Spesso la complessa curvatura di una struttura è paragonata all'arte e descritta con i moniker sfumati come "anticlastico", "minimo", "curvatura inversa" e "parabola iperbolica". Può essere più difficile ricordare quei nomi che non costruire effettivamente - e rivestirle - queste strutture con il sistema Geometrica.Geometrica aiuta a risolvere le sfide più "impossibili" di progettazione.

Incantesimi degli involucri

Il modulo deve essere versatile per accogliere le opzioni di rivestimento, la visione del progettista e le capacità dell'ingegnere. In sintesi, la forma definisce un carattere dell'edificio e può includere pareti verticali, inclinate o curve. Queste meraviglie architettoniche accattivanti possono espandersi su grandi distanze, pur sostenendo gli elementi.Le applicazioni risultanti sono più che semplicemente "belle". Il sistema strutturale Geometrica traslucido, opaco o trasparente, rigido o morbido, leggero o pesante può sostenerlo con forza. 
 Con il sistema strutturale di Geometrica possono essere utilizzate molte forme di rivestimento, tra cui:
• Foglio profilato
• Fix segreto (acciaio e alluminio)
• Seam diritto (acciaio e alluminio)
• Vetratura (vetro trasparente, strutturato e opaco)• Membrane in tessuto o in fogli

Come mezzo per l'espressione architettonica, Geometrica può aiutarti a affrontare una miriade di questioni nel design dell'edificio. Abbiamo una scelta notevole e un successo dimostrato con molte sfide di design insolito.Per ottenere un aspetto innovativo, alcuni disegni utilizzano una varietà di geometrie e trattamenti. Mentre le opzioni di illuminazione naturale o artificiale rendono il rivestimento opaco, colorato o testurizzato particolarmente attraente, altri materiali riflettenti di rivestimento solido (come l'alluminio) sono adatti anche per facciate che si curvano in direzioni opposte.

Libertà di progettazione


Lasciate volare la mente e lo spirito! La struttura si fonde con l'immaginazione per ottenere una completa flessibilità creativa e una libertà di progettazione.Con 25 anni di esperienza nella fornitura di cupole architettoniche, lucernari, telai spaziali e facciate, la nostra missione è quella di fornire soluzioni progettuali personalizzate in tutto il mondo. La domanda è: "Cosa può fare Geometrica per te?" Per saperne di più, compili il nostro modulo di richiesta e iniziamo.



Risultati immagini per sphere in architecture projects

ACHIR con AZZURRI LINI alla Galleria della Tartaruga




Oggetto: Mostra personale di Achir – dipinti
Mostra a cura di: Marco Pezzali
Luogo: Galleria della Tartaruga – via Sistina, 85/a – 00187 Roma
Telefono/fax: 06 6788956
Sito web: www.galleriadellatartaruga.com
E-mail: info@galleriadellatartaruga.com

Inaugurazione: venerdì 29 settembre 2017 dalle ore 18.00 alle 24.00
Durata della mostra: dal 29 settembre al 12 ottobre 2017
Orario d’apertura: 10-13  e  16.30-19.30  -  Chiuso i festivi ed il lunedì mattina

   La Galleria della Tartaruga ospita per la prima volta una mostra personale di Achir, artista di origini algerine, dopo una lunga proficua collaborazione.
     Così sapientemente scrive della sua pittura Nilla Zaira D’Urso: “…..In ogni molecola dei colori ad olio di Brahim Achir si propaga la poesia della terra nei suoi paesaggi onirici, in accoglienti ed enigmatiche forme femminili, che avvolgono i confini del reale e del sogno con un intenso inno di gratitudine alla madre terra. …..”.
     Per poi proseguire: “……Volti femminili dallo sguardo immobile, seducente, magnetico, come divinità eteriche senza carne, in forme ovali e geometriche, sembra che incarnino le attese del tempo, la nostalgia del passato, la sensualità dell’eros, il fascino della poesia, la nudità silente dell’essere, la bellezza dell’intelletto e il mistero della creazione.
      Queste donne sono delle muse che affascinano l’animo dell’artista algerino Achir, poeta e pittore, che non solo dipinge con notevole padronanza tecnica, ma riesce ad imprimere sulle tele l’incanto della donna facendo emergere il sapore di un forte piacere sensuale e allo stesso tempo infinitamente spirituale.”



domenica, settembre 17, 2017

Roma sotterranea: Sepolcro degli Scipioni -Ludus Magnus-Mitreo del Circo Massimo - l'Aurora di Guido Reni

23 settembre 2017    - Sepolcro degli Scipioni. Eroi della Repubblica Romana (apertura speciale)
Per questa visita la prenotazione deve essere effettuata contattando il 3205560439 per comunicare l'orario scelto: 1° turno ore 16.30, 2° turno ore 17.20.


Il sepolcro degli Scipioni è un monumento funerario di età romana che si trova, lungo la via Appia antica, poco distante dalla Porta San Sebastiano.

Inglobato in parte in una abitazione, una casa romana del III secolo, che danneggiò una parte del monumento sottostante e dimostra come all'epoca si fosse persa la cognizione e forse lo stesso ricordo di un luogo di sepoltura così importante nella storia romana.

Fu riscoperto, nonostante se ne conoscesse l'ubicazione approssimativa grazie alle fonti, a due riprese, nel 1616 e di nuovo dai proprietari del fondo nel maggio del 1780, durante lavori per la costruzione di una cantina.

Circondato da una vera e propria necropoli tra cui spicca un grande colombario sotterraneo a pianta rettangolare e sopra il sepolcro la presenza di una piccola catacomba, con file di sepolcri sovrapposti. La fondazione del sepolcro si può far risalire con certezza all'inizio del III secolo a.C. ad opera di Lucio Cornelio Scipione Barbato, console nel 298 a.C.

Le iscrizioni sui sarcofagi permetto di datare l'uso dell'ipogeo fino al 150 a.C. circa, quando la struttura era completa e venne affiancata da un'altra stanza, di forma sempre quadrangolare ma non in asse con la prima, dove furono sepolti pochi altri membri della famiglia.
approfondimenti

****
24 settembre 2017    -  Ludus Magnus - la palestra dei gladiatori
Per informazioni contattare il 3205560439

Il Ludus Magnus era la più grande e importante palestra dei gladiatori a Roma, collocata direttamente al Colosseo, da una galleria sotterranea. Gli scavi effettuati fino ad ora hanno portato alla luce solo la parte settentrionale dell'edificio di cui però si può ben riconoscere la cavea.

La vera struttura del Ludus Magnus, costruita da Domiziano, ci è pervenuta tramite un frammento della Forma Urbis: era un edificio a tre piani, composto da un'arena di forma ellittica, copia a scala ridotta di quella del Colosseo (asse maggiore 62 metri, asse minore 45 metri) circondato da gradinate che poteva ospitare 3000 persone.

L'abbandono della struttura si data a partire dal VI sec., quando l'edificio venne utilizzato come area per modeste sepolture.

Intorno al Ludus Magnus dovevano esserci altri edifici simili fatti costruire da Domiziano e tutti del medesimo tipo con arena e cavea e con ambienti eventualmente porticati: il Ludus Matutinus destinato all'allenamento dei venatores (le grandi cacce che si svolgevano di mattina) e situato sul Celio, il Ludus Dacicus e il Ludus Gallicus (quest'ultimo situato sul Celio) che devono il loro nome al luogo d'origine dei gladiatori che vi alloggiavano.

Nelle immediate vicinanze della scuola per gladiatori erano situate tutte quelle strutture collegate per la loro funzione al Colosseo come ad esempio: lo spoliarium, dove venivano sistemati i cadaveri dopo gli scontri e spogliati delle loro armature; il saniarium, un piccolo "pronto soccorso" che serviva per il ricovero e la cura dei gladiatori feriti; il summum choragium, il magazzino dove venivano conservati gli "scenari", le macchine, i costumi e ogni genere di attrezzi e apparati destinati alla realizzazione delle scenografie per il Colosseo; infine da segnalare l'armamentarium, il deposito dove erano sistemate le armi utilizzate dai gladiatori ed erano situate anche le officine destinate alla riparazione di armi e armature.

****
30 settembre 2017   - Sotterraneo: Mitreo del Circo Massimo
Per informazioni contattare il 3205560439.

Scendendo una lunga scaletta, posto nei sotterranei dell’ex Pastificio Pantanella, si raggiunge il mitreo del Circo Massimo, considerato uno dei più grandi luoghi di culto conosciuti a Roma. Il santuario ipogeo fu riadattato nel III sec. d.C. all'interno di un edificio preesistente di età imperiale, probabilmente connesso con il Circo Massimo.

Monumento ben conservato, con cinque ambienti rettangolari paralleli comunicanti tra loro e due grandi scalinate sul lato che guardava il Circo che portavano al piano superiore e si estendevano per quali tutta la lunghezza dell'edificio.

Il pavimento era coperto da marmi, in parte conservati, spesso di reimpiego. Sul muro di fondo si apre un arco con al superficie inferiore coperta da pomici e vi si allineano anche alcune basi e nicchie inquadrate da edicole. Dentro l'arco un'edicoletta a mattoni forma una nicchia semicircolare coperta da semicupola: qui si doveva trovare, in posizione preminente, la statua di Mitra. Il rilievo rinvenuto con la tauroctonia non è chiaro dove fosse collocato, e rappresenta Mitra che uccide il toro, affiancato da Cautes, Cautopates, Sol, Luna e il corvo, mentre a sinistra si vede lo stesso Mitra che porta il toro ucciso sulle spalle. 

****

1 ottobre 2017    - L'Aurora di Guido Reni (apertura speciale).
Dalle Terme di Costantino al Casino Rospigliosi Pallavicini.
Per informazioni contattare il 3205560439

La costruzione Rospigliosi Pallavicini, sorge sui ruderi delle Terme di Costantino, oggi inglobati nello scantinato del Casino.

Il palazzo fu costruito dal cardinale Scipione Borghese, nipote del papa Paolo V, come grande dimora della famiglia edificata accanto alla residenza papale del Palazzo del Quirinale.
Nel 1704 il palazzo fu acquistato dal principe Giovanni Battista Rospigliosi, figlio di Camillo e nipote di papa Clemente IX, e da sua moglie, la principessa Maria Camilla Pallavicini, e divenne l'abitazione della famiglia Rospigliosi Pallavicini, che ancora ne possiede la metà.
Il Casino dell'Aurora è così denominato in quanto ospita l'omonimo, splendido, affresco di Guido Reni (1614). Illusionisticamente poggiata al soffito del piccolo ambiente come quadro riportato, il dipinto raffigura Apollo nel suo carro preceduto da Aurora, che porta la luce al mondo.
 L'affresco di Guido è uno dei capolavori del classicismo romano e richiama i rilievi di antichi sarcofagi, di cui la facciata del Casino è riccamente istoriata.